chiamaci se vuoi

scrivici una mail se preferisci

oppure vienici a trovare

2019 © Unalome Studio | Designed by Kontrast Communication

  • Unalome Studio Napoli Instagram
  • Unalome Studio Centro Olistico Napol

MR. NOBODY

February 3, 2017

 

Regia: Jaco Van Dormael

Casa Cinematografica: Pan Européenne

Genere: Fantascienza - Drammatico

Anno Uscita: 2009

Durata: 148 min.

DESCRIZIONE:

Un bambino al binario di una stazione. Il treno sta per partire. Deve salire con sua madre o restare con suo padre? Una moltitudine di vite possibile scaturiscono da questa scelta. Tutte le vite meritano di essere vissute.

​PERCHE' SCEGLIERLO:

Amico 1: "Cosa mi consigli di vedere stasera? vorrei un pò intripparmi con qualche film serio, con morali, conclusioni, riflessioni post film che ti lasciano un paio di ore fuori dal mondo..."

 

Amico 2: "Mr. Nobody"

 

Così è nata la questione Mr. Nobody, una questione che è durata sicuramente più di due ore. 

 

Il film è incredibilmente sottile, ad un passo da Sliding Doors e decisamente approdato sull'Isola che non c'è! Ti pone in una condizione di costante incertezza, pronto a farti comprendere che in fondo: di quale certezza possiamo mai parlare? Come possiamo noi esseri umani comprendere l'infinta combinazioni di possibilità che portano alla più semplice delle coincidenze? Come possiamo da una di queste poter derivare la conseguenza, fare scelte "certe"? Semplicemente non possiamo...

 

E' questo il mood di uno dei film più enigmatici mai visti, eppure così evidentemente sensato.

 

Traumi, difficoltà, scelte, solita corsa alle domande dalle quali risposte non sappiamo far altro che derivare altre domande. Crisi esistenziali, attimi di gioventù bruciata, vissuta, esasperata... Momenti di desiderio, repulsione, contrazione dell'animo fino alla chiusura più totale dal mondo. Uno schema puro e sostanziale di quanto la mente continui a guidare l'uomo senza rendersi conto del potere distruttivo/creativo. Prenderne le redini? Fare i conti con le possibilità? : Impossibile! Ecco come questo film ti conduce fino alla morte esistenziale, fino al giorno in cui (e soltanto in quello) potrai davvero tirare le somme, rendendoti conto che ogni storia può essere La Storia, che ogni scelta è La Scelta, che tutto ciò che noi chiamiamo caso è semplicemente l'infinito che gioca a dadi con se stesso, non potendo mai nè vincere nè perdere, perchè è nel gioco che si rappresenta la sua immensità.

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload