chiamaci se vuoi

scrivici una mail se preferisci

oppure vienici a trovare

2019 © Unalome Studio | Designed by Kontrast Communication

  • Unalome Studio Napoli Instagram
  • Unalome Studio Centro Olistico Napol

L’IPERCRITICO | CHI E' L'IPERCRITICO E PERCHE' SI COMPORTA COSI'

May 16, 2017

 

Ci mettono sempre qualcosa di troppo: una critica quando il discorso è ormai chiuso, una puntualizzazione del tutto inutile anche se le cose sono già chiare, un tono sarcastico o aggressivo in netto contrasto con l'atmosfera del dialogo, oppure un'osservazione provocatoria e gratuita ai fini dell'argomentazione. Sono gli ipercritici, persone che sembrano portate a battersi verbalmente (polemòs in greco significa infatti guerra) alla prima occasione o, se questa non si presenta, a crearla dal nulla. Non si tratta perciò di una sporadica "salita di tono", dovuta a una contrarietà del momento: L' ipercritico ha dentro di sé una contrarietà più generale verso l'esterno che, a prescindere dalle specifiche situazioni di conflitto, lo fa partire "già carico" nell'affrontare una conversazione: magari sulle prime l'interlocutore non se ne accorge, ma lui è già un po' arrabbiato, irritato, insoddisfatto, critico o sospettoso, ha già qualcosa da aggiungere "a priori".

 

Per questo gli basta un nonnulla per innescare una discussione e aprire un conflitto. In pratica l' ipercritico si comporta come se avesse subito, in un passato più o meno remoto, una sorta di "grande torto" che lo ha fatto restare in un costante atteggiamento battagliero verso gli altri e verso la vita: attacca per difendersi, per prevenire, per dimostrare, per essere risarcito, neanche lui sa bene di cosa. «Che poi non si dica che io...» è uno dei suoi tipici intercalari, insieme a «Lo sapevo, te l'avevo detto»; «Come volevasi dimostrare»; «Non per far polemica, ma...»; «Ti dico solo questo e poi non parlo più»; «Ci tengo a precisare che»; «Stai forse insinuando che io...». Le cause di questa propensione, oltre che in una predisposizione individuale, di solito risiedono nel vissuto dell'infanzia e, meno spesso, dell'adolescenza: carenza d'amore materno, umiliazioni o mancati riconoscimenti, genitori in perenne conflitto fra loro, sono le situazioni più frequenti. Qualcosa di importante è dunque accaduto ma, poiché la persona di solito non lo ricorda o non gli attribuisce importanza, si focalizza sui singoli conflitti del momento, con due conseguenze negative. La prima è una costante difficoltà nelle relazioni, che non riescono mai a mantenersi serene e lineari. La seconda è l'impossibilità di una piena evoluzione psicologica, poiché la mente è sempre un po' rapita e affaticata da questa battaglia fine a se stessa.           

 

Gli ipercritici alla lunga...

 

- Logorano amicizie e relazioni sociali.

 

- Suscitano reazioni aggressive, tensione, tendenza a mentire e a evitare.

 

- Rendono inconcludente ed estenuante ogni discussione.

 

- Accrescono nel tempo il proprio senso di frustrazione.

 

Che fare: trasformare la vis polemica in energia creativa

 

 

Potenziare il presente

 

L'atteggiamento polemico può nascondere una forte insoddisfazione per la propria vita attuale. Chi è felice infatti non ha alcun bisogno di polemizzare. Non cercare perciò risarcimenti in discussioni estenuanti, non perdere tempo a puntualizzare, ma concentrati su te stesso, sui tuoi desideri e su un migliore stile di vita.

 

Sviluppare la creatività

 

Lo spirito ipercritico è energia vitale che non riesce a convogliarsi in modo e forme costruttive. Per sbloccare la situazione non serve reprimere a stento la rabbia ma sviluppare una o più passioni, in qualsiasi ambito, nel quale la creatività personale possa fluire. Ciò ti renderà più sereno nell'affermare in modo più maturo le tue vere, eventuali contrarietà.

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload